Francia amara per Nuvolara ai mondiali di Djon

Week end impegnativo per il nostro campione italiano di maratona,  Marco Nuvolara.
Non sapendo scegliere tra il suo dovere di allenatore e la sua grande passione per le gare, ha affrontato, in tre giorni, due impegni di grande importanza a più di 800 km di distanza l’uno dall’altro.

Dopo aver accompagnato e guidato nelle gare i suoi piccoli pattinatori, a Fanano (MO), per la decima edizione dei Giochi Nazionali Tiezzi, svoltisi nei giorni di venerdì 12 e sabato 13 giugno, è riuscito ad arrivare in tempo in Francia,  precisamente a Dijon, per partecipare ai campionati mondiali master, convocato dal CT azzurro Max Presti che lo aveva selezionato dopo il 3°posto agli Europei e il 1°posto agli Italiani di Senigallia la settimana scorsa.

Ha percorso, domenica mattina 14 giugno, i 42 km di gara, che ha visto al via 3 azzurri e un folto numero di atleti francesi. “Una gara partita subito forte” racconta Nuvolara “che ha visto la nazionale francese subito all’attacco, con continui allunghi per stancare gli avversari”. Dopo solo una decina di km, il nostro portacolori, non aveva più compagni con cui rispondere agli attacchi della nazionale transalpina e si trovava all’ultimo giro a lottare per una medaglia di bronzo.
Una medaglia purtroppo mancata, causa uno stiramento all’adduttore sinistro proprio a 300 mt dall’arrivo, dove Nuvolara stava uscendo dalla scia del francese per giocarsi l’ultima medaglia disponibile di un podio, alla fine tutto francese.
Non è riuscito a salire sul podio, ma si è comunque classificato al 4° posto nella sua categoria “Master 30”.

Un grande esempio di come passione e determinazione possano permettere ad un atleta di ottenere grandi risultati nello sport che ama.

Autore dell'articolo: m.nuvolara